L'EM - L'eco mese

Mercoledì 09 Settembre 2020
[ECOEXTRA] L'Eco Extra è in edicola
Numero speciale dedicato all'Artigianato
Numero speciale dedicato all'Artigianato

Sarà la concretezza degli artigiani e delle piccole imprese a far ripartire il Paese dopo il Covid. "L'Eco EXTRA" in edicola con L'Eco del Chisone di oggi è dedicato proprio all'Artigianato. Storie di oggetti e di vite creative popolano l'inserto di 80 pagine con la copertina di Sefora Pons.

 

Ingegno è la parola del mese che ispira la riflessione, affidata per l'occasione al presidente di CNA Torino Nicola Scarlatelli. Intelligenza creativa, capace di generare. Legato a filo doppio con l'impegno e la professionalità, con la «capacità di vedere possibilità dove gli altri non ne vedono».

 

Il direttore Paola Molino fotografa con i dati CNA la realtà artigiana che sta cambiando con le frontiere della digitalizzazione ben presenti davanti a sé, e la capacità di resistere alla crisi post Covid cogliendo la sfida dell'innovazione. Con la grande ricchezza dell'impresa al femminile da tutelare.

 

Tutte donne le artiste e artigiane del collettivo che darà vita al Concept Space NODO al caffé del Tratro sociale: un progetto destinato a proseguire tutto l'anno tra workshop e sinergie.

 

Il legno è il filo conduttore che lega il nostro "Extraterrestre" (Il personaggio del mese è Stefania Larovere con i suoi gioielli in legno) e Giuseppe Piana, il Mastro Geppetto di Valstrona, autore dei migliori burattini in legno dedicati a Pinocchio. Scultore del legno è anche Enrico Challier, con una forte esperienza nell'insegnamento: con lui parliamo dell'importanza della formazione e dell'educazione alla bellezza per i giovani futuri artigiani.

 

Immancabili, tornano con le loro rubriche anche Irene Formento e Pino Di Leone.

 

Ci spostiamo verso il Monviso con il cashmere prodotto sulle montagne di Ostana, il primo tassello di una filiera tutta piemontese destinata ai mercati internazionali, proprio come le biciclette di Officine Mattio, azienda testimone di un artigianato 2.0, che del "prodotto in Italia" e soprattutto nella filiera cuneese fa una condizione assoluta nella ricerca dell'eccellenza.

 

Il saper fare è un patrimonio inestimabile per l'artigiano. Alcuni suoi prodotti, come i muri a secco in pietra, possono essere patrimonio dell'intera umanità, riconosciuti dall'Unesco nel 2018. Ivo Negro, unico abitante stabile della sperduta e storica borgata di Bourcet, in Alta Val Chisone, è un profondo conoscitore di quest'arte antichissima.

 

A Pinerolo l'Artigianato diffuso con i tre giorni della rassegna "Di-Stanze Artigiane". in programmadall'11 al 13 settembre. A Saluzzo Start con la capitale del Marchesato che si fa museo a cielo aperto. Un evento non solo di artigianato, ma anche di arte e antiquariato. Anche di questo parliamo nel numero di L'Eco EXTRA.

 

L'Eco presenta infine il suo progetto con Slow Food alla ricerca delle ricette del cuore. E la rubrica App e dintorni racconta "La rivincita dei QR Code" in questo periodo di menù contactless e distanziamenti di ogni tipo per limitare la diffusione della pandemia.


Immagine di Sefora Pons


Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Redazione L'EM
Condividi: