Corriere di Savigliano

Sabato 25 Agosto 2018
Lettere al Giornale. Riceviamo e pubblichiamo
Ospedali passare dalla prospettiva alla realtà
Ospedali passare dalla prospettiva alla realtà

Ospedali passare dalla prospettiva alla realtà

Riceviamo e pubblichiamo

Mentre a Saluzzo il dibattito politico, e pure quello cittadino, è totalmente assorbito dal fenomeno serio e concreto degli stagionali africani del comparto agricolo, ogni attenzione alla Sanità ospedaliera e di territorio sembra entrata in un cono d’ombra. Non conosciamo a fondo la realtà saviglianese, ma si registra qualcosa di analogo. Dopo mesi e mesi di dibattito, il Piano Direttorio per la riorganizzazione degli ospedali delle due città è stato approvato dal Consiglio regionale del Piemonte ad inizio maggio. Il piano degli investimenti di circa 1,7 miliardi di euro, comprendeva infatti la previsione di 47.5 milioni di euro per i nosocomi di Saluzzo e Savigliano, cui erano aggiunti 6.2 milioni per la totale riconversione in attività riabilitativa di Fossano. Sempre a maggio, con DGR datata 29, il dott. Salvatore Brugoletta veniva nominato Direttore Generale dell’ASL CN1 in sostituzione del dott. Magni, promotore del Piano Direttorio. L’Allegato B “Individuazione e assegnazione degli obiettivi di nomina”, al punto 8. recita “.. Piena attuazione della programmazione prevista dal nuovo Piano della Regione sull’edilizia sanitaria”. Crediamo che, a buon senso, nessuno possa pretendere che in due mesi, un pur eccellente (stante il curriculum) manager della sanità pubblica, riesca ad impadronirsi di tutte le dinamiche di un’azienda articolata e complessa come la nostra, in cui le risposte di sanità ospedaliera e di territorio si distribuiscono su più presìdi e su un’area vasta e prevalentemente montana. La sensazione che si ha, pur tenendo conto che segnali positivi sembrano arrivare per la dialisi, è che la prospettiva di nuovi investimenti sia stagnante. Leggiamo, anche con favore, che l’ospedale di Verduno rincorre i tempi per la piena operatività dall’inizio del 2019. Un ospedale modernissimo, con dotazioni d’eccellenza che sarà sicuramente attrattivo ben oltre i territori di Alba e Bra. Noi abbiamo ospedali che segnano il tempo per vetustà. Non possiamo aspettare oltre. Il Pronto Soccorso di Savigliano ed alcune Strutture Complesse esplodono mentre Saluzzo non viene sfruttato al grado delle sue potenzialità. Le Amministrazioni locali devono farsi carico di sostenere il lavoro del nuovo Direttore e sarebbe opportuno costituire una cabina di regia dei Sindaci del saluzzese e saviglianese, unendoli ad una rappresentanza delle Associazioni di sostegno agli ospedali, per far sì che, con maggior slancio, le prospettive diventino realtà e dai progetti si passi alle opere. In autunno saremo già in campagna elettorale per le amministrative e le regionali: non possiamo né dobbiamo sprecare altro tempo! La Sanità è dei cittadini e noi siamo stati eletti per offrire loro i migliori servizi e le più avanzate opportunità di cura.

Stefano Quaglia, Danilo Rinaudo, Consiglieri comunali – Saluzzo.


Redazione
Condividi: