Community Smart
 

Corriere dei Paesi

Mercoledì 24 Luglio 2019
Gli assessori Bergesio e Amoroso stroncano le polemiche sulla loro assenza in Consiglio a Cavallermaggiore
«Macchè crisi! Eravamo in vacanza»
«Macchè crisi! Eravamo in vacanza»

Si sgonfiano quasi sul nascere le polemiche di metà luglio, scaturite dal passo indietro della vicesindaco Sandra Bergesio con la rinuncia alle deleghe sulle Manifestazioni.

Nonostante le rassicurazioni del sindaco Davide Sannazzaro, che nel Consiglio della scorsa settimana aveva detto che non c’erano divergenze in atto in “Cavallermaggiore Viva”, l’assenza dell’assessore non è passata inosservata, tanto da convincere Bergesio a una giusta puntualizzazione, che allontana un nuovo “caso Montanari” (il vicesindaco torinese licenziato da Chiara Appendino) in versione cavallermaggiorese. 

«Premesso che ero in vacanza, una pausa programmata da tempo che purtroppo è coincisa con il Consiglio – afferma l’esponente di Giunta – sono comunque serenissima di aver lasciato al sindaco una delega che faticavo a seguire, causa i troppi impegni. Ho sempre pensato che per seguire le attività con scrupolo ci vogliono tempo ed energie, per cui un amministratore saggio deve anche sapere quando è ora di fare un passo indietro, se necessario, per lavorare al meglio nel pieno rispetto delle proprie forze e dei propri impegni personali». 



Redazione
Condividi: