Corriere di Savigliano

Martedì 26 Novembre 2019
Amici dell’Ospedale e Officina delle Idee insieme per dire no alla costruzione di una nuova struttura sanitaria al posto dei tre esistenti
«Restiamo con tre ospedali diversi»
«Restiamo con tre ospedali diversi»

«Siamo contenti che l’assessore regionale Luigi Genesio Icardi abbia smentito le paure di un trasferimento di Emodinamica da Savigilano a Saluzzo». A dirlo Remigio Galletto (presidente degli Amici dell’Ospedale di Savigliano) e Giovanni Damiano (presidente dell’Officina delle Idee di Saluzzo) durante una conferenza stampa congiunta che si è svolta nel Castello di Monasterolo e che ha visto la presenza anche del consigliere regionale Matteo Gagliasso (Lega), inviato direttamente dall’assessore per portare il punto di vista della Regione.

«Ma ora dobbiamo guardare un po’ più avanti e dire con forza che un ospedale unico non lo vogliamo e che le strutture di Savigliano, Saluzzo e Fossano devono essere risistemate come previsto dal Piano Magni», ha proseguito Galletto ricordando il milione e mezzo di euro in machinari donato in circa 10 anni al Santissima Annunziata e gli oltre 35 mila euro raccolti da 1.200 persone che hanno deciso di lasciare il proprio 5 per mille all’associazione dell’ospedale. «Il nostro gruppo è nato circa due anni fa - gli ha fatto eco Giovanni Damiano - e da subito abbiamo colto la necessità di lavorare insieme agli Amici dell’Ospedale in difesa del territorio. Non è stato facile ma ce l’abbiamo fatta». Ha poi preso la parola il consigliere regionale Gagliasso che ha cercato di rassicurare gli animi dei presenti: «Non verrà presa una decisione sul nuovo ospedale fino a quando non avremo in mano tutti i dati e non sarà prima di marzo - ha affermato -. Quando li avremo a disposizione l’assesore convocherà un tavolo con le Amministrazioni e le associazioni del territorio per capire come muoversi. Preoccuparsi adesso è prematuro»


Francesco Gerbaldo
Condividi: